Cultura dimenticata

Oggi il ministro alla Cultura Alberto Bonisoli ha visitato la Sardegna.

L’attenzione della Regione per questo settore è stato limitato. Nessuno ha fatto una programmazione seria, l’azione della Giunta non è stata all’altezza del potenziale della nostra regione. Non solo: gli operatori culturali sono stati oppressi da una burocrazia che ha limitato la loro azione. Serve un cambio di rotta deciso per far diventare la cultura un vero strumento di cambiamento sociale e di crescita economica. Gli operatori non possono aspettare mesi prima che arrivino le risorse a loro assegnate. È una stortura che non può più essere accettata.


Ho raggiunto il ministro della Cultura Alberto Bonisoli a Orani, dove si trova uno dei musei più belli della Sardegna, dedicato a uno dei suoi figli più illustri e illuminati: Costantino Nivola. Un luogo di una bellezza assoluta che, oltre a contenere pregiatissime opere, disegni e manifesti dell’artista, ospita anche importanti mostre temporanee come quella su Le Corbusier, visitabile fino al 17 marzo.

Di Nivola assieme al ministro abbiamo apprezzato anche il “Progetto Pergola”, che renderà concreta un’intuizione del grande artista oranese e cioè l’unione delle case, che verranno dipinte di bianco con uno zoccolo azzurro, attraverso una pergola. Un simbolo del legame sociale tra gli individui e del senso di comunità.

Prima della visita culturale con il ministro abbiamo visitato l’agriturismo Usurtala, un’azienda agricola mulitifunzionale che, oltre a produrre i classici prodotti dell’allevamento e della coltivazione si occupa anche di accoglienza.

Dopo Orani con il ministro ci siamo spostati a Mamoiada, per visitare un altro gioiello della cultura sarda: il Museo delle Maschere Mediterranee.

Potrebbero interessarti anche...